La Magia dell’Essere Donna

🇺🇸🇬🇧🇨🇦🇦🇺 👉🏻 The Magic of Being a Woman

***

Da sempre la figura della donna è associata ad una serie di stereotipi che sembrano indicare quali sono i suoi doveri. È ancora molto forte l’immagine della donna che in quanto tale deve mettere su famiglia, badare alla casa ed essere una brava moglie. Questo luogo comune ne genera automaticamente un altro, ossia quello di dover sacrificare le ambizioni personali per dedicarsi agli altri in tutto e per tutto. Fortunatamente però, i cliché esistono anche per essere superati e le donne possono magicamente dimostrare di essere esattamente tutto ciò che vogliono.
Guest Post di Elisa Gnecchi di Mamma In The City.

Divisore

Essere Donna Senza Essere Mamma

Iniziamo con lo sfatare il mito per cui la donna deve obbligatoriamente fare figli per sentirsi realizzata. Ognuna deve trovare il proprio equilibrio e sentirsi appagata come meglio crede, senza essere condizionata da influenze esterne. Fare figli è una scelta e non certo un obbligo morale nei confronti della comunità.

  • Machismo & Ruolo della Donna nella Società

Purtroppo, si sente ancora parlare di matrimoni forzati, fortemente voluti dalle famiglie degli sposi, oppure di donne che vengono derise o umiliate, solo perché scelgono di non diventare madri. Senza dubbio, in materia di emancipazione femminile sono stati fatti molti passi da gigante, ma bisogna ammettere che nell’immaginario comune certe caratteristiche negative rimangono ancora associate alla figura femminile.
È un po’ come se la donna dovesse seguire un percorso prestabilito per potersi guadagnare la stima e l’affetto delle persone che ha attorno. Se all’uomo è concesso di pensare ai propri piaceri, per una donna è quasi inconcepibile avere desideri che si allontanano dagli ideali della collettività. Persino il piacere e il desiderio sessuale non sono visti di buon occhio, eppure si tratta di pensieri del tutto naturali e normali.

  • La Libertà di Essere Donna

Altre donne invece, sono alla ricerca di qualcosa di diverso e si sentono appagate per altri motivi. Certe, ad esempio, amano stare sole e non si sentono minimamente frustrate dal fatto di non avere un compagno di vita fisso. Altre invece preferiscono cambiare frequentemente compagno e altre ancora scelgono di avere una relazione superficiale per poter dedicare tutte le energie alla carriera.
Troppo spesso chi compie scelte di vita un po’ fuori dagli schemi corre il rischio di essere criticata aspramente. Il vizio di molte persone è quello di fare paragoni senza senso, che non ammettono la possibilità di avere un pensiero differente dal loro. Le decisioni personali dovrebbero essere solo frutto delle proprie convinzioni, senza paragoni di sorta. Molte volte questo giudizio esterno può essere davvero limitante, può portare a perdersi in percorsi sbagliati ed avversi ai propri desideri.

Photos by ©Tania Medina

Donna Prima di Tutto

La crescita personale dovrebbe avere a che fare in primo luogo con la ricerca dell’immagine di sé, di ciò che si vuole essere e di ciò che si vuole diventare.

  • Tra Sogni & Doveri

Focalizzarsi sui propri desideri più intimi è la chiave per tracciare il giusto percorso per realizzarli. Per riuscirci però è importante, lungo il percorso, non farsi distrarre dai giudizi esterni. Gli stessi che hanno il potere di esercitare un potere sulla psiche al punto da far dubitare ogni donna della propria stima e capacità di realizzare tali obiettivi.
In virtù di ciò bisognerebbe educare le donne ad avere maggiore consapevolezza di ciò che sono e di ciò che le fa sentire appagate, piuttosto che spingerle a seguire strade predefinite. Ogni donna dovrebbe essere protagonista della propria storia e sentirsi libera di comportarsi come meglio crede.
Non sempre però i paletti vengono messi dall’esterno, a volte infatti sono i pensieri propri e profondi a tagliare le ali.
I sensi di colpa affliggono il mondo femminile in maniera prepotente. Per paura di sbagliare, è facile dimenticare sé stesse e togliersi delle opportunità di successo, come è altrettanto facile mettere da parte la propria felicità per rispondere al dovere.

  • Amarsi per Essere Felici

Non solo ci sono donne emarginate o duramente criticate per la scelta di non avere figli, ci sono anche donne che faticano a trovare spazio per sé stesse all’interno degli oneri famigliari. Sicuramente non è affatto semplice organizzarsi a livello logistico per ritagliarsi degli spazi personali, ma il problema principale rimane ancora legato alla paura del giudizio, sia altrui che proprio.
Qualsiasi strada si prenda nella vita, è importante invece non dimenticare di dedicare del tempo a sé stesse. Fortunatamente ci sono moltissimi esempi di donne che hanno lottato per i propri diritti e per la propria felicità e che insegnano a credere nei propri sogni e a non farsi limitare dal proprio status sociale.

femminismo

Photo by ©Tania Medina

Il Potere della Trasformazione

Può una donna essere tutto ciò che vuole? Assolutamente sì, come chiunque altro. Bastano alcuni ingredienti come il coraggio, la determinazione, l’autostima e un pizzico di sano egoismo. Tutte caratteristiche tipiche del gentil sesso, non credi?
Come si dice, l’importante è crederci. Auto-convincersi di poter essere tutto ciò che si vuole senza troppe rinunce. Ciò permette di leggere le cose sotto una luce diversa, anche se per far combaciare tutto quanto sarà necessario adeguarsi un po’. Forse la chiave di lettura sta proprio nel fatto di non vivere la realizzazione di sé come una rinuncia, ma come una forma di adattamento.
Una volta che si ha chiaro dentro sé stessi chi si è e chi si vuole essere, allora è possibile trovare il proprio equilibrio e riuscire a non oscillare più tra i desideri e le responsabilità. Se si riesce a fare questa trasformazione interiore, il mondo da cui si è circondati si adeguerà di conseguenza.

Photos by ©Tania Medina

Siamo Donne Perfette

Una donna rimane tale sempre e comunque, sia se non è più sola, sia se è in famiglia, sia se è madre o moglie.
È importante non dimenticarsi di sé stesse e continuare ad affrontare i propri passaggi di vita senza inibire la propria femminilità. È importante ricordarsi ogni giorno che si è perfette, così come si è e che i giudizi e i sensi di colpa non sono altro che un limite.




19 thoughts on “La Magia dell’Essere Donna

  1. Purtroppo la figura della donna è ancora oggi vittima di categorizzazioni anche da parte di persone che sembrerebbero apertissime di vedute… E proprio questi pregiudizi sul ruolo della donna, che ci accompagnano dalla nascita, ci frenano sotto tanti aspetti…

  2. Sono d’accordo con te su ogni parola che hai scritto. Purtroppo noi donne pretendiamo molto da noi stesse, troppo, abbiamo sensi di colpa, ci sentiamo inadeguate. Le tue parole dovrebbero entrare nella testa di tutte le donne. Siamo donne perfette.

  3. E’ uno degli articoli più interessanti e affascinanti che abbia letto sulla donna. Purtroppo siamo in una società dove la donna spesso e volentieri viene sopravvalutata e spesso messa in secondo piano.

  4. Molto vero e moto bello tutto. Usoml aggettivo bello, tanto odiato dalla mia prof di lettere, appositamente. Perché alla, pesante e poco raccontata, verità della attuale condizione femminile si contrappone un racconto di bellezza.nbellezza della libertà della autodeterminazione, della autocomprensione ed approvazione. Questo racconto andrebbe fortemente condiviso, ne abbiamo bisogno.mpervhe va contro ciò che oggi si insegna a donne e uomini. Bellissimo articolo

  5. Ho notato che la cosa di non volere figli colpisce in qualche modo anche gli uomini specie se hanno una compagna fissa. Mi spiego meglio, spesso ho sentito dei parenti del mio compagno chiederli cose tipo: “quando ti sposi? e un figlio? lo sai che i tuoi cugini hanno tutti figli? devi anche tu!” E a lui la cosa scoccia parecchio. Lui come me non vuole figli. Per quanto riguarda me direttamente, i mei parenti hanno rinunciato, quando alla ennesima domanda: Quando lo sposi? quando fai un bambino? Il mio senso di diplomazia si é andato a farsi friggere e gli ho risposto, che sarei rimasta incinta solo soltanto quando avrebbe nevicato all’inferno. Da li non hanno più chiesto niente. Ma l’atteggiamento peggiore sull’argomento l’ho subito dalle altre donne. Quando sono tornata in Italia ho ritrovato tutte le mie amiche, all’inizio era tutto rose e fiori. Loro tutte sposate con almeno un figlio, io senza e con il mio compagno fuori regione. Inizialmente, ci frequentavamo, poi quando hanno cominciato a capire che non mi sarei sposata e neanche avuto figli, si sono gradualmente allontanate, perché la loro comitiva era solo per famiglie. Cosa che non é accaduta con gli amici maschi, sposati e non ci hanno visto niente di strano nel mio stile di vita.

  6. Il tuo articolo è davvero molto bello. Pone l’accento su quanto possa essere difficile ma al contempo meraviglioso essere una donna. Responsabilità, passioni e desideri sono il nostro pane quotidiano ma noi possiamo fare tutto e, se pur imperfette, siamo sempre straordinarie.
    Maria Domenica

  7. Un discorso molto delicato e molto sentito in questo periodo di confusione di genere da ambo le parti sia uomo che donna

  8. Uno degli articoli più belli e veri che io abbia letto nel ultimo periodo. Penso che ogni donna si può riconoscere in queste righe dove, per certi versi possiamo considerarci fortunate ad essere donne, ma per altri meno. Sfortunatamente, per tanti aspetti il ruolo della donna nel privato e nella società non è allo stesso livello di un uomo, ma penso e spero che presto questa cosa cambi. E sono sicura che tutte noi donne insieme, un po’ alla volta, possiamo farlo succedere.

  9. Il tuo articolo è molto bello fa capire quando siamo forti noi donne forse è per questo motivo che gli uomini ci tengono un gradino più basso di loro perché ci temono…invece di capire che insieme potremmo essere grandi preferiscono essere mediocri da soli.

  10. Allora devo considerarmi fortunata in questo senso. La mia famiglia si comporta come se dovessi restare sempre con loro, senza pensare ad un eventuale matrimonio. Perché anche altre persone dicono a mia mamma: Valentina sta benone qui, esce quando vuole, spesso è in viaggio, quando torna trova tutto pronto, va alle feste e party della moda, dei grandi brand, Rolex, Lamborghini, GP di Montecarlo, Ballo della Rosa, Festival di Sanremo, Serate del Cinema a Cannes e Venezia e non mi dilungo. Cosa se ne fa di un uomo? Ci va da sola o con gente dell’ambiente, cosa le serve un uomo? A parte un problemino fisico risolvibile senza pensieri. Forse perché abito a Milano dove tutto questo è normale, ma io dei preconcetti e giudizi li ho letti nei libri. C’è strada da fare è vero, ma in certi luoghi. E comunque non ci farei neanche caso se lo dicessero, talmente sono abituata così.

  11. Concordo perfettamente con te in effetti nonostante siamo nel 2021 ancora ci sono dei modi di pensare troppo sessisti Ancora si vede la donna voltata alla casa e ai figli e non si pensa che la donna si possa realizzare sotto il punto lavorativo e al contempo ressere moglie e mamma

  12. Molto vero quello che scrivi. Concordo in peno con le tue parole. Purtroppo ci sono ancora troppi preconcetti sia verso le scelte di vita privata che alcune di noi fanno che in ambito lavorativo e la battaglia è ancora lunga. Speriamo sia migliore per le generazioni future.

  13. ti faccio i miei complimenti, un articolo quantomai attuale, per l’epoca che stiamo vivendo, anche se abbiamo vinto tante battaglie, dobbiamo ancora vincere la guerra, e far capire che anche noi abbiamo il diritto di scegliere cosa vogliamo essere o fare delle nostre vite, non acceeto che ci siano ancora luoghi su questa terra, dove le donne non sono altro che oggetti o in cui devi per forza fare figli, siamo libere e importanti come gli uomini, anzi senza di noi loro non esisterebbero.

  14. Sono una donna, una imprenditrice, una mamma e una ex moglie. Mi ritrovo in tutto quello che hai scritto e Mi piace moltissimo. Il cammino non è sempre facile ma sta a noi non snaturalizzarci e andare avanti sempre a testa alta

  15. Purtroppo è tutto (ancora) vero e attuale: anche se non vengono derise o umiliate, solo perché scelgono di non diventare madri, spesso comunque le donne vengono guardate con sospetto, come se fossero persone con un problema, o semplicemente delle egoiste immature.
    Nonostante siamo nel 2021, ancora non siamo pronti a dissociare il concetto donna = mamma.

  16. Ho letto con piacere questo post dal tema molto attuale e importante. Ancora oggi, le donne non sono libere come si crede nell’organizzarsi e scegliersi il tipo di vita che desiderano. Anzi, spesso non sono neanche consapevoli di quello che desiderano veramente, ma si convincono di dover sottostare a quello che gli altri, dalla famiglia, alle amicizie, alle regoli sociali non scritte, si aspettano da loro.
    E’ davvero importante far uscire la nostra consapevolezza per non avere in futuro dei rimpianti.

  17. Articolo molto, ma molto bello e interessante. Concordo con ogni parola scritta e sono la prima a sostenere che la figura della donna debba imporsi non seguendo gli standard contemporanei (e sempre esistenti), ma secondo il “gusto”, il “sentimento” di ognuna, secondo l’ambizione di ciascuna. Grazie 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »