Travel & Photography

Travel: Museo Storico dei Vigili del Fuoco di Milano

🇮🇹Memorabilia, ricordi e storia del corpo più amato del mondo: i Vigili del Fuoco. Un luogo di meraviglia e memoria dove ripercorrere i 213 anni del corpo e ritrovare nelle loro gesta la loro bontà d’animo e la lealtà verso divisa, qualcosa che si rispecchia perfettamente nella cura del museo e nell’entusiasmo di raccontarlo al pubblico.




🇬🇧Memorabilia, memories and history of the most loved body in the world: the Firefighters. A place of wonder and memory where you can retrace the 213 years of the body and rediscover in their deeds their goodness of mind and loyalty towards uniform, something that is perfectly reflected in the care of the museum and in the enthusiasm of telling the audience.

vigili di fuoco

🇮🇹E’ grazie a MuseoCity, un’associazione non profit con la missione di avvicinare i musei alla gente e che ogni anno a marzo organizza un grande evento che coinvolge tutta la città, che il Museo Storico dei Vigili del Fuoco apre le sue porte aderendo per la prima volta al progetto.  Questo ha permesso, ad appassionati e non, di scoprire un tesoro privato affascinante e che ripercorre, attraverso il racconto del corpo, il corso della storia d’Italia.
All’interno del museo è possibile “toccare con mano” ciò che i Vigili del Fuoco sono stati e continuano ad essere: dagli strumenti di lavoro ai mezzi, dalle divise agli apparecchi di comunicazione e a tutto ciò che in modo parallelo e collaterale gira intorno a questo corpo. Dal servizio di soccorso sanitario (attivo fino ai primi anni del 900) al corpo ginnico (di cui il Gruppo Sportivo di Milano è dedicato a Carlo Galimberti, pompiere pluripremiato e vincitore olimpico che perse la vita eroicamente nell’adempimento del dovere), fino a tutte le specializzazioni del corpo dai sommozzatori al SAF o dal gruppo aeroportuale al NBCR.




🇬🇧It’s thanks to MuseoCity, a non-profit association with the mission of bringing museums closer to the people and that every year in March organizes a major event that involves the whole city, which the Historical Museum of Firefighters opens its doors by adhering to the first time to the project. This has allowed, to enthusiasts and not, to discover a fascinating private treasure and that traces, through the story of the body, the course of the history of Italy. Inside the museum you can “touch” what the Firefighters has been and continues to be: from work tools to means of transport, from uniforms to communication devices and everything that runs parallel to this body in a parallel and collateral way. From the health assistance service (active until the early 1900s) to the gymnastic body (of which the Milan Sports Group is dedicated to Carlo Galimberti, award-winning firefighter and Olympic winner who lost his life heroically in the performance of duty), up to all specializations from divers to the SAF or from the airport group to the NBCR.

🇮🇹Indubbiamente un immersione storica e culturale in un corpo tanto amato quanto poco riconosciuto dove la fermezza di spirito è pari a quella di antichi cavalieri medievali che facevano di onore, coraggio, fedeltà e clemenza i loro valori fondamentali. Ed ecco dunque che la caserma si trasforma nel loro castello con tanto di borgo autosufficiente dalla rimessa al ciabattino e i mezzi divengono i loro fidi destrieri. Dopotutto non sono i nostri cavalieri dall’arma scintillate? Quelli che quando siamo in difficoltà sono sempre i primi ad intervenire, ad avere una parola per noi o indicarci la via per resistere?
Il museo in ogni suo oggetto, in ogni parola dei suoi ciceroni ed in ogni dettaglio curato alla perfezione trasmette l’amore che questi uomini hanno per questo corpo e che il corpo ha verso i suoi uomini. Un’ esperienza piena di bellezza ed emozione che racconta per vero chi sono questi uomini che ogni giorno mettono a rischio la loro vita per gli altri, così come dice di loro la preghiera di Santa Barbara: “Un giorno senza rischio non è vissuto, poichè per noi credenti la morte è vita, è luce: nel terrore dei crolli, nel furore delle acque, nell’inferno dei roghi.”




🇬🇧Undoubtedly a historical and cultural immersion in a body so loved as little recognized where the firmness of spirit is equal to that of ancient medieval knights who made honor, courage, loyalty and mercy their fundamental values. So here is that the barracks are transformed into their castle with a self-sufficient village from the shed to the cobbler and the means become their trusted steeds. After all, are not our knights with shimmery guns? Those that when we are in difficulty are always the first to intervene, to have a word for us or to show us the way to resist? The museum in every object, in every word of its ciceroni and in every detail taken care of to perfection transmit the love that these men have for the Firefighters and that the Firefighters has towards its men. An experience full of beauty and emotion that tells true who are these men who every day put their lives at risk for others, as the prayer of Santa Barbara says of them: “A day without risk is not lived, because for us believers death is life, it is light: in the terror of collapses, in the fury of the waters, in the hell of the fires.”

Museo Storico dei Vigili del Fuoco di Milano
Via Messina, 35
20154 Milano
Per info: 02-3190376

32 commenti

Rispondi a Cristina Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.