travel
Travel & Photography

Travel: Giornata Fai di Primavera a Milano

🇮🇹Il 23 e 24 Marzo come ogni anno si sono svolte le Giornate di Primavera del FAI che offrono la possibilità ad iscritti e non di visitare luoghi altrimenti inaccessibili. Come ogni anno non ho potuto farmi sfuggire la possibilità di parteciparvi e nella giornata di domenica a Milano, nella mia città, ho avuto modo di scoprire due luoghi ricchi di bellezza: la Chiesta di Sant’Antonio Abate e Residenza Vignale.




🇬🇧
On 23 and 24 March, as every year, the FAI Spring Days were held, offering the possibility to members and not to visit otherwise inaccessible places. As every year I could not miss the chance to participate and on Sunday in Milan, in my city, I had the opportunity to discover two places rich in beauty: the Church of Sant’Antonio Abate and Residenza Vignale.

🇮🇹Chiesa di Sant’Antonio Abate

Dalla facciata sobria e poco monumentale non è raro passare di fronte a questa chiesa ed ignorarla. Tuttavia la vera bellezza si nasconde all’interno dove si rimane incantati dalla decorazione barocca, un vero e proprio “manifesto” dell’epoca della Controriforma. La peste è finita così come il periodo dei suoi pittori, che rappresentavano immagini di flagellazione e dura realtà, e si entra in un’epoca di immagini rasserenanti e serene e che qui splendono in tutta la loro magnificenza in opere di Giulio Cesare Procaccini, i fratelli Carlone, il Crespi, il Molosso ed il Moncalvo.
La chiesa è consacrata a Sant’Antonio Abate, santo ed eremita egiziano, che è stato il primo esorcista della storia della chiesa cattolica. A lui è dovuta l’etimologia “fuoco di Sant’Antonio” per indicare una malattia diffusa in antichità dovuta all’avvelenamento di un fungo presente nella segale (e che oggi erroneamente associamo all’herpes zoster). La sua confraternita fu quella che inventò un unguento a base di maiale che fungeva d’allevio per le piaghe causate da questa malattia e per questo il luogo ove oggi nasce la chiesa in passato nei suoi dintorni era adibito a pascolo dei maiali.
Sant’Antonio Abate è infatti sempre raffigurato vicino ad un maialino ed è considerato il protettore degli animali domestici e da stalla oltre che dalle forze del male e demoniache.




🇬🇧Church of Sant’Antonio Abate

From the sober and little monumental facade it is not rare to pass in front of this church and ignore it. However the real beauty is hidden inside where one is enchanted by the baroque decoration, a real “manifesto” of the Counter-Reformation period. The plague is over like the period of his painters, who represented images of flagellation and harsh reality, and we enter an era of serene and serene images that shine here in all their magnificence in works by Giulio Cesare Procaccini, the the Carlone brothers, the Crespi, the Molosso and the Moncalvo.
The church is consecrated to Saint Anthony the Abbot, Egyptian saint and hermit, who was the first exorcist in the history of the Catholic church. He is due to the etymology “St Anthony’s fire” to indicate a disease widespread in antiquity due to the poisoning of a fungus present in the rye (and which today we mistakenly associate with herpes zoster). His brotherhood was the one who invented a pig-based ointment that served as a breeder for the wounds caused by this disease and for this reason the place where the church was born in the past in its surroundings was used as a pasture for pigs.
In fact, Saint Anthony the Abbot is always depicted next to a piglet and is considered the protector of domestic and stable animals as well as evil and demonic forces.

🇮🇹Residenza Vignale

Oltre la facciata, dal taglio semplice e pulito dal gusto liberty, è impensabile pensare che si nasconda una residenza in puro stile settecentesco. E’ qui infatti che un Principe austriaco tra il 1905-1907 farà edificare la stessa.
L’atrio a doppia altezza stupisce con un magnifico scalone, dalle linee pulite e sobrie disegnato da Adolf Loos, ma è il corpo principale della casa a riservare delle vere e proprie sorprese. Il piano terra è un susseguirsi di salottini di rappresentanza con accesso sul cortile, mentre al primo piano si trova il piano nobile ancora oggi abitato. Sull’altro lato del cortile si trovano gli alloggi della servitù inseriti in un curioso edificio con modanature di legno scuro ed un grazioso bovindo a farlo apparire una baita tirolese.
Negli anni’50 questa “villa in città” viene sopraelevata di alcuni piani, ma mantiene ugualmente intatto l’antico fascino della facciata e del cortile.




🇬🇧Residenza Vignale

Beyond the façade, with a simple and clean cut in liberty style, it is unthinkable to think that a residence in pure eighteenth-century style is hidden. It is here in fact that an Austrian Prince between 1905-1907 will build the same one.
The double-height atrium amazes with a magnificent staircase, with clean and sober lines designed by Adolf Loos, but it is the main body of the house that holds real surprises. The ground floor is a succession of representative sitting rooms with access to the courtyard, while on the first floor is the noble floor still inhabited today. On the other side of the courtyard are the servants’ quarters inserted in a curious building with dark wood moldings and a graceful bay window to make it look like a Tyrolean hut.
In the 50s this “villa in the city” is raised by a few floors, but still maintains the ancient charm of the face and courtyard.

🇮🇹Visitare questi luoghi

La Chiesa di Sant’Antonio Abate è aperta tutti i giorni ed l’ingresso è gratuito.
Non sono presenti cartelli descrittivi dell’architettura, storia o dipinti e non vi sono guide turistiche. Ciò è avvenuto solo per l’apertura eccezionale per le Giornata Fai.
Per visite di gruppo contattare 02/58391347 oppure fondazione@faap.it
Residenza Vignale non è aperta al pubblico in quanto usata per eventi.



🇬🇧Visit these places

The Church of Sant’Antonio Abate is open every day and admission is free.
There are no descriptive signs of architecture, history or paintings and there are no tourist guides. This happened only because of the exceptional opening for Fai Day.
For group visits, contact 02/58391347 or even fondazione@faap.it
Residenza Vignale is not open to the public as it is used for events.

37 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.