Lifestyle

Referendum Costituzionale #iovotono

Non parlo mai di politica, in linea generale è una cosa che nella mia vita privata quanto in quella pubblica non è qualcosa che mi piace condividere. Sono molto riservata sulle mie idee e le esprimo unicamente all’interno della cabina elettorale, tuttavia ciò non toglie che in virtù del Referendum Elettorale di Dicembre mi sento in dovere di condividere la mia opinione.

Voglio anticipare fin da subito che questa è solo la mia idea e non è legata a nessun partito, non sono mai stata di quelle che si schierano a destra a sinistra. Semplicemente ho sempre e solo seguito chi dice, secondo me, ciò che è anche il mio pensiero.

Parlando quindi di questo Referendum a cui andiamo incontro non posso negare che alcuni aspetti positivi ci siano. Ho ascoltato un po’ entrambe le campane e letto molto per farmi un’idea sul tutto, ma quello che bisogna valutare se i motivi del SI sono maggiori di quelli del NO e purtroppo non lo sono.

Le cose dunque che mi portano a pendere per il NO sono i seguenti motivi e li voglio condividere con voi anche per un confronto:
– una volta cambiata la Costituzione a prescindere che questi nuovi cambiamenti funzionino o meno dovremo tenercela così per 50 anni, senza possibilità di effettuare ulteriori cambiamenti prima
– il Senato non verrà abolito, ma semplicemente rimarrà esattamente com’è superando il bicameralismo perfetto. Cioè che le leggi passeranno solo per il Parlamento, di fatto diminuendo drasticamente i poteri dello stesso, ma non togliendolo e quindi facendoci tenere comunque tanti senatori da mantenere quanto oggi
– la centralizzazione dello Stato su molti ambiti oggi competenza delle Regioni come: ordinamento scolastico, attività culturali, beni culturali e paesaggistici, commercio con l’estero, comunicazione, diritto allo studio, energia, finanzia pubblica e sistema tributario, formazione professionale, infrastrutture, innovazione, ordinamento delle professioni, porto e aeroporti, previdenza, protezione civile, ricerca scientifica, sicurezza alimentare, sport, tutela della salute, trasporto e navigazione, tutela e sicurezza sul lavoro e università. Troppe cose, a mio dire, in mano di un solo potere. Perchè non per forza voglio parlare del governo attuale, ma cosa accadrebbe se in un futuro salisse una persona egocentrica e con piani dittatoriali? Sarebbe molto facile imporre le proprie idee se in mano si ha la comunicazione ad esempio o l’università ove le uniche informazioni e cose che verrebbero insegnate sarebbero quelle volute dal governo che potrebbe così decidere cosa farci sapere o meno. Un pericolo che se oggi potrebbe non esistere, diverrebbe un’arma doppio taglio per un futuro che non possiamo prevedere
– oggi per proporre un referendum ci vogliono 50.000 firme (e solo chi ha provato a raccoglierle sa quanto è difficile), con la nuova riforma passerebbero a 150.000 del tipo che se ad oggi era già difficile riuscire a mettere insieme i numeri necessari anche solo per proporre un referendum al governo, in futuro sarà pressoché impossibile
– come cambierebbero gli articoli della Costituzione. E’ impressionante come articoli semplici e diretti, facili da comprendere per chiunque diventerebbero improvvisamente dei mantra di difficile comprensione e per farvi un esempio vi lascio una foto qui sotto che lo mostra

Forse sembrano pochi motivi e non poi così importanti, ma la mia idea è di non guardarle con gli occhi del presente, ma anche e soprattutto con quelli del futuro. A mio dire dobbiamo vagliare tutti gli scenari, perchè seppur oggi forse abbiamo una Costituzione che non è perfetta, quanto meno ci tutela da molti rischi che con quella nuova potrebbero divenire reali e a quel punto sarà difficile pressoché impossibile rimediarvi se non con un “se solo tutto fosse rimasto com’era…”.

Questi sono i miei motivi e mi sento di condividerli, mi sento di dover quanto meno far riflettere a chi leggerà attentamente questo articolo sulla scelta che come popolo siamo chiamati a fare. Di pensarci non una, nemmeno due e nemmeno tre volte prima di votare… perchè qualsiasi sia la vostra scelta, sappiate che sarà per sempre o quanto meno per tutta la durata della vostra vita e una volta presa non ci sarà alcun modo di tornare indietro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *