Oramala e i suoi misteri

Oramala , un nome misterioso nato dall’unione di due parole come “Aura” (vento) e Mala (male). Un forte vento che soffia nel promontorio roccioso che domina la Staffora nel comune di Val di Nizza. Qui sorge l’omonimo castello della famiglia Malaspina.
Con la fine della quarantena, questa sezione torna finalmente attiva.
Siete pronti a viaggiare di nuovo?
Scopri gli altri articoli della rubrica Travel qui.

La storia del castello solitario

Il borgo di Oramala, oggi considerato uno dei più belli d’Italia, conserva al suo interno il prezioso castello della Famiglia Malaspina . Questa fortificazione è considerata uno dei pochi resti medievali (senza trasformazioni di epoche successive) che è possibile visitare per scoprire il suo aspetto originario.
La famiglia Malaspina la fece costruire nell’XI secolo. Prima di tornare loro proprietà, più precisamente ad  Obizzo I nel 1164 grazie a Federico Barbarossa , apparteneva al Vescovo di Tortona e successivamente al Marchese d’Este.
Il castello iniziò il suo lento declino alla fine del XVIII secolo quando fu abbandonato dal Marchese Oramala. Nel 1985 gli attuali proprietari, i fratelli Panigazzi , lo acquistarono e iniziarono i lavori di ristrutturazione.
Attualmente il castello è gestito dall’Associazione Culturale Spino Fiorito che consente visite guidate all’interno con passione e dedizione.

I suoi ospiti illustri

Il Castello, situato su uno sperone di roccia alto 700 metri, ebbe un’importante funzione difensiva oltre che commerciale. Ciò è dovuto alla storica Via del Sale che la attraversava adiacente e consentiva la riscossione delle tasse.
Ma anche la letteratura e la cultura hanno raggiunto questo castello solitario. Sia per i numerosi trovatori provenzali che qui ottrenevano ospitalità qui, sia per un personaggio illustre come Dante Alighieri .
“L’uno a Virgilio e l’altro a un si volse
che sedea lì, gridando: “Sù, Currado!
vieni a veder che Dio per grazia volse”
Cita una delle terzine dell’ottavo canto della “Divina Commedia” dove Dante, in Purgatorio, incontra Corrado il Marchese Malaspina. È proprio questo riferimento che porta a pensare alla natura malevola della famiglia.

Info Point

Il castello è visitabile su prenotazione tramite la Associazione Culturale Spino Fiorito .
La strada per arrivare al castello è un’autostrada, ma è molto tortuosa. Non è raccomandato per neo patentanti o principianti.
Prezzo: $ 6,50
(http://www.spinofiorito.com )

Sogni d’oro: Flowers House è a soli 4 minuti da questo meraviglioso castello. Questo appartamento indipendente garantisce un’esperienza bucolica senza sacrificare il comfort. Circondato da vigneti e frutteti, garantisce tutto l’essenziale, nonché Wi-Fi, riscaldamento e TV. ($ 49 a notte) .
Prenota qui ed approfitta di 34 € di sconto.

Deliziose prelibatezze: a soli 9 minuti di auto c’è il “Ristorante Al Casello”, un posto piccolo, ma con una grande anima. Il menu stagionale è preparato con prodotti locali e di qualità. Anche la Pinsa romana e le numerose birre artigianali disponibili sono eccellenti. Consigliata prenotazione. (Via Codevilla 1 di fronte all’ex Brasilia, Retorbido, Italia)

4 thoughts on “Oramala e i suoi misteri

  1. Fantastico, grazie mille per la segnalazione della località! Non sapevo esistesse e venirne a conoscenza per tramite del tuo sito è stato molto utile (soprattutto tenendo conto che sono un’appassionata del Medioevo, quindi questa località si aggiunge a quelle che prima o poi visiterò)!

  2. Bellissimo posto! Quest’anno non abbiamo intenzione di spostarci per le vacanze in agosto ma a settembre, per il mio 50esimo compleanno, ci recheremo sicuramente da qualche parte e questo luogo mi piace davvero tanto

  3. Questo è il genere di viaggio che piace a me scoprire sempre delle strutture del genere che hanno all’interno tanta storia da raccontare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »