Food & Drink,  Lifestyle

Menù per le feste: semplice da preparare e divertente da mangiare!

Ormai ci siamo! Natale e Fine Anno stanno per arrivare, ma si sa è meglio giocare d’anticipo! Ecco qualche idea semplice, ma d’effetto per un menù divertente da mangiare quanto da cucinare!

x7_1_large.jpg.pagespeed.ic.swDthcFv45.jpg

ANTIPASTO
Uova ai funghi tartufati

– 400 g di funghi
– 200 g di formaggio cremoso
– 1 lt di brodo di manzo o di pollo
– 4 uova
– 1 tartufo
– 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva
sale q.b.




Sgusciate le uova separando i tuorli (tenendoli interi) dagli albumi; montate questi e metteteli in stampi semisferici e passateli nel forno a 150 gradi per 4 minuti.
Pulite i funghi, tenete a parte i cappelli più belli, tagliate gli altri a pezzetti e fateli appassire in un tegame con olio salandoli poco.
Bagnateli con il brodo, lasciate cuocere finché il composto sarà ristretto della metà: frullatelo con il formaggio.
Mettete in 4 piatti gli albumi sformati, disponente nel centro di ciascuno un tuorlo, infornate a 200 gradi per 10 secondi, poi servite versando intorno alla crema di funghi, guarnite con i cappelli dei funghi e il tartufo, tagliati a lamelle.

ravioli-di-spinaci-ripieni-460x345.jpg

PRIMO
Tortelli alle ortiche con miele e olio all’arancia

Per la pasta:
– 800 g farina
– 8 uova
– 500 g di ortiche

Per il ripieno:
– 150 g polpa di maiale
– 150 g polpa di vitello
– 100 g di salsiccia
– 100 g di prosciutto crudo
– 50 g di mortadella
– 1 uovo
– 150 g di parmigiano grattato
– 1/2 cucchiaino di pane grattugiato
– 30 g di burro
– sale q.b.
– noce moscata q.b.




Fatevi macinare 2 volte dal macellaio il vitello, il maiale e la salsiccia, a parte il prosciutto e la mortadella.
Fate sciogliere il burro in una padella, unitevi la carne macinata e fatela cuocere per qualche minuto; a fine cottura salatela, poi scolatela dall’acqua che inevitabilmente il macinato ha fatto nella cottura e lasciatela raffreddare.
In una ciotola versate la carne macinata appena cotta, il prosciutto e la mortadella crudi, il parmigiano, il pane grattugiato, l’uovo, aggiustate di sale e spolverizzate con pochissima noce moscata grattugiata, mescolate bene l’impasto e mettetelo in frigorifero.

Preparate la pasta: setacciate con cura la farina sulla spianatoia, formate la classica fontana, quindi mettetevi al centro le uova e un pizzico di sale.
Sbattete con una forchetta di legno le uova, quindi iniziate a incorporare la farina con la punta delle dita partendo dai bordi della fontana. Lavorate con le mani il composto per 15-20 minuti amalgamando bene gli ingredienti e avendo cura di cospargere di tanto in tanto la spianatoia con un poco di farina.
Aggiungete le ortiche, precedentemente sbollentate, asciugatele e frullatele.
Continuate in questo modo fino a ottenere un impasto sodo e omogeneo, poi, quando nella pasta iniziano a vedersi le bollicine, raccoglietela formando una palla. Lasciatela riposare in una ciotola per mezz’ora.

Ora la sfoglia può essere tirata a mano, con il mattarello, o con la nonna papera. Arrivata al giusto spessore lasciatela riposare per 10 minuti coperta da un telo. E’ importante evitare di infarinare la sfoglia al termine della sua preparazione, altrimenti non si attacca quando viene ripiegata per racchiudere il ripieno.

Emulsionate olio di arancia spremuta e miele: sarà il vostro condimento insieme al parmigiano reggiano una volta cotti i tortellini.

Cappone-ripieno-al-mandarino-890x570.jpg

SECONDO
Cappone al miele e mandarini

– 1 cappone
– 6 mandarini
– 1 limone
– 10 foglie di limone
– 2-3 foglie di salvia
– miele q.b.
– senape in grani q.b.
– semi di girasole q.b.
– olio extravergine di oliva
– sale grosso
– pepe




Eviscerate il cappone e privatelo della testa e delle zampe: bruciare la pelle per eliminare le eventuali piume residue e sciacquatelo bene.
In una pentola raccogliete abbondante acqua e le foglie di limone spezzate a metà: mettete sul fuoco e fate cuocere per circa 30 minuti.
Spalmate il miele sul cappone e massaggiatelo per distribuirlo bene su tutta la pelle; sollevate delicatamente le palle e passate il miele anche tra petto e pelle.
Nella fessura dove avete tolto il fegatino inserite un mandarino e un limone, tagliati a metà, e qualche foglia di salvia; insaporite tutto con un pizzico di sale affumicato, qualche grano di pepe, un filo di olio, un cucchiaio di senape tritata, una manciata di semi di girasole e il succo di due mandarini.
Trasferite il cappone in una pirofila da forno e coprite tutta la superficie con i mandarini restanti, tagliati a fette; infornate a 180 gradi e fate cuocere per circa un’ora bagnando di tanto in tanto con l’acqua aromatizzata al limone. Trascorso il tempo di cottura, levate e portate in tavola.

Crostata-con-cioccolato-fondente.jpg

DOLCE
Crostata fondente

– 200 g di pasta frolla
– 40 g di cioccolato fondente extra
– 1 cucchiaio di panna
– 10 g di burro
– 2 tuorli
– 40 g di zucchero
– 1 cucchiaino di cacao




Imburrate la tortiera rotonda e disponetevi la pasta formando un bordo di almeno un centimetro; bucherellate con una forchetta la pasta, disponete sul fondo della tortiera un disco di carta da forno che abbia la stessa grandezza e adagiatevi sopra uno strato di fagioli secchi (servono solo a fare da peso perchè la pasta frolla non lieviti durante la cottura), quindi informate a 180 gradi per 20 minuti, sin quando la pasta sarà cotta, poi eliminate carta e legumi.
Fate fondere il cioccolato spezzettato a bagnomaria con la panna.
Montate a bagnomaria i tuorli con lo zucchero sino a ottenere un composto denso e incorporate i due composti, versateli nella crostata e lasciate completamente raffreddare. Prima di servire cospargere il dolce con il cacao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *