Photo by ©Matt Alaniz

Che nell’ultimo anno il nostro stile di vita sia cambiato è un dato di fatto: più libertà, meno libertà, nessuna libertà, troppa libertà. Abbiamo attraversato, in sostanza, tutte le fasi emotive di un periodo piuttosto isterico. Diciamo che, però, la luce in fondo al tunnel comincia a intravedersi. Ma quanto somiglierà al passato e quanto sarà, al contrario, innovativa?

Via Alle Riaperture

Locali aperti, aperitivi con gli amici, cene al ristorante e passeggiate all’aperto sotto un clima un po’ bizzoso: è così che ci ha riaccolti questa primavera. Vedo il mondo fuori e mi sembra così pieno di opportunità da sentirmi confusa, come quando vai in una gelateria con 20 gusti e vorresti provarli tutti.
È rallegrante guardarsi intorno e osservare la vita scorrere fuori dalle mura di casa. Per alcuni, però, potrebbe anche essere spaventoso. Dopo un anno trascorso a prestare la massima attenzione a ogni movimento e interazione, buttarsi nella mischia può dimostrarsi complicato. Se sei tra queste persone, il mio suggerimento è di non sentirti fuori luogo né di costringerti a fare cose per cui non ti senti pronto, spinto dalla pressione sociale. Ognuno deve seguire il proprio ritmo interiore, quindi prenditi il tempo che ti serve. Arriverà anche il tuo momento!

Photos by ©Erol Ahmed & ©ian dooley

Voglia di Evadere & Progettare

Energia: ne abbiamo accumulata così tanta che, adesso, non ci rimane che trovare un modo per impiegarla. Allora, via alle danze con escursioni, gite fuori porta, progetti di viaggio e ritrovi con amici…
Personalmente, io sono quel genere di persona che vede un raggio di sole e si sente pronta a conquistare il mondo, ma qualsiasi sia la tua attuale situazione emotiva rispetto a questo cambiamento di stile di vita, ti do qualche consiglio:
1. Non sentirti obbligato ad omologarti agli altri. Fai ciò che preferisci! L’importante è che tu stia bene.
2. Lascia spazio all’immaginazione. Sognare non costa nulla e, se pensi di concederti uno sfizio che potrebbe sembrarti troppo oneroso, di’ a te stesso che ogni lasciata è persa. Te lo meriti!
3. Trova il tuo equilibrio. Capisci cos’è che ti fa sentire a tuo agio e dedicati a coltivarlo con pazienza e dedizione.

Il Desiderio di Cambiare

Come i serpenti cambiano la pelle, lo stesso vale per l’uomo. Il tempo per pensare e il bisogno di reinventarsi ci hanno accompagnato a lungo, creando in molti il bisogno di mettere una pezza là dove avevano commesso degli errori e si erano incaparbiti ad andare avanti.
Io, ad esempio, durante il tempo speso a guardarmi dentro nei mesi passai, ho capito che avrei dovuto completamente rivoluzionare la mia vita da un punto di vista professionale. Così, ho trovato il coraggio di mettermi in discussione, dicendomi che non potevo farmi scappare l’occasione di provare proprio ora che mi era stato dato modo di tentare.

  • Come Accogliere il Cambiamento?

Il cambiamento può assumere molte sembianze. Non deve per forza trattarsi di uno stravolgimento. Infatti può anche manifestare in modo più blando: coltivando un hobby che si era messo da parte, imparando a dedicare del tempo a sé stessi, decidendo di non fare più qualcosa che è potenzialmente dannoso per sé ed il proprio umore.
Io adotto la filosofia dei c.d. baby steps e, cioè, del fare piccoli passi alla volta. In questo modo, non creiamo uno stacco troppo improvviso e ci diamo la possibilità di monitorare le nostre reazioni.
Ad ogni modo per quanto bello sia questo ritorno alla normalità, porta con sé anche degli scompensi. Per alcuni passare da un regime fortemente restrittivo a uno così diametralmente opposto può essere entusiasmante ma anche stordente. Per questo, è importante ascoltarsi — ascoltarsi davvero — e, soprattutto, rispettarsi.
Ricorda che sei tu la sola persona che può sapere di cos’hai bisogno.