Intervista a… Rose’s Creation

🇺🇸🇬🇧🇨🇦🇦🇺 👉🏻 Interview With… Rose’s Creation

***

«Il colore che ho sempre indicato come il mio preferito è il verde e in un certo senso qualcosa della mia personalità è in questo colore, speranza e perseveranza per esempio. Ma negli ultimi tempi ho sentito una chiamata con il colore rosa, quello del mio nome, per la capacità di dare e ricevere amore. Sento di avere ancora molto da dare»

🎀Rose’s Creation🎀
🎀Etsy Shop🎀

Scopri gli altri articoli della rubrica Interviews qui.

Quando ho contattato Rosa per la prima volta, era eccitata e un po’ incredula alla mia richiesta di poterla intervistare, ma immediatamente mi ha detto: «Grazie Cristina per avermi scelto, non sai quanto sia felice di far parte del tuo mondo in qualche modo. E quanto sono onorata di essere la tua prima intervista ».
Nelle sue parole c’è il solito entusiasmo e delicatezza di un artista che parla direttamente al cuore.
Questo è il motivo per cui questa rubrica è nata. Portare la “bellezza” della vita a voi lettori. Vedendola e vivendola oltre ciò che è visibilmente tangibile, esplorandola nell’anima delle persone e attingendo da esse sfumature di arte, creatività o unicità che possono ispirarci.

Sfumature di Rosa: Rose’s Creation

Rosa Ingenito attraverso Rose’s Creation ci porta nel suo sogno d’infanzia dove: vive di disegni, racconta storie ed aiuta il prossimo. Lei che vide il suo percorso artistico nascere dalla disillusione affrontando le molte sfide della vita e trasformandole nel motore della sua arte.
All’inizio veniva cercata per semplici richieste grafiche per blog e social network, ma gradualmente le sue creazioni hanno attratto sempre più il pubblico spingendola a creare design personalizzati, per magliette, tazze, cose che ognuno di noi può portare anche al fuori del mondo virtuale. Cose con cui le persone possono identificarsi perché sono uniche. È così che è nato il suo negozio su Etsy, con il desiderio di raccontare la sua storia, aiutare gli altri e scatenare la sua passione per l’arte.
Se qualcuno le chiede “cosa fai?” , è dolce rispondere che tutto ciò che crea fa parte di una storia da raccontare, una storia che prende vita attraverso immagini e simboli.

Leggendo

«Di getto direi ” Harry Potter “, è sicuramente il libro (è una saga ma non saprei come dividerli in questo contesto) che più di ogni altra cosa ha subito fatto parte di me, non perché parla di magia e creature fantastiche (argomenti che amo fin da quando ero bambina) ma per il messaggio che trasmette, di amore, determinazione e gentilezza. La gentilezza salverà il mondo, ne sono convinta. È il libro delle diverse fasi della mia vita anche perché sono sempre stata lì in attesa del successivo libro, sono cresciuta con Harry, Ron ed Hermione, ho pianto con loro, ho sorriso e ho trovato molti aspetti del mio essere, non in un personaggio unico, ma in piccole sfumature che ne caratterizzano alcuni e poi, come dicono quelli che mi conoscono, sono un Tassorosso in tutto è per tutto.
So che mi hai chiesto solo un libro, ma se penso anche alla mia arte aggiungo “Big Magic” . Sì! Ancora magia, ma questo non parla di magia o piuttosto di quella magia che viene studiata a Hogwarts, parla di creatività e dell’importanza di vivere una vita creativa. Adoro Elizabeth Gilbert (la scrittrice) e mi rifletto molto nel suo modo di pensare. Ad esempio, Liz crede che la creatività non sia una qualità innata con cui solo alcune persone fortunate sono dotate, e sono d’accordo. Crede che “siamo tutti custodi itineranti di tesori sepolti” . “Big Magic” è arrivato al momento giusto, quando ero piena di dubbi, incertezze sul mio futuro creativo e ho pensato di rinunciare a tutto. Liz mi ha rimandato sulla strada giusta. Quindi sì, direi che le due donne magiche per il mio percorso sono J.K. Rowling e Elizabeth Gilbert ».

Emozionata

«Per molte cose! Ho molti progetti, personali ma anche per Rose. Ciò che più di tutti sogno di vedere fatto a breve termine è la laurea in architettura, che tra molti alti e bassi è il desiderio riuscire a raggiungere un obbiettivo».

Facendo

«Bene, cosa sto facendo? Molte cose, forse troppe. Il che è anche nella mia personalità, non posso restare senza fare nulla. Devo sempre creare qualcosa, sono un po’ come un frullatore pieno di idee, la maggior parte delle volte non riesco nemmeno a dar vita a queste idee ed è per questo che scrivo tutto, ho carta ovunque (forse è solo una scusa per avere ancora più articoli di cancelleria, la mia mania da molto tempo) , note sparse, pensieri, perché se mai il frullatore si dovesse spegnere, so da dove cominciare per ritrovare le idee. La bellezza di un lavoro creativo come il mio è che se hai un momento di poca ispirazione per creare, hai anche molte altre cose da affrontare, come tagliare le pile di carta, rilegare o persino mantenere in ordine il negozio o il sito Web, fare l’inventario, e così via. Spesso fare cose del genere, più pratiche, mi aiuta a liberare la mente e a riportare l’ispirazione e il desiderio di creare. E in questo momento sto davvero creando molte cose, non per il prossimo futuro, ma sono in preparazione numerosi progetti che vedranno la luce tra un po’. Tra questi ce n’è uno che probabilmente ho sempre sognato e che parla di illustrazioni, poesia e musica. Ma non posso ancora rivelarti nulla. Dico solo che c’è tutta me stessa, ci sono storie ed è dedicato alle donne. Ed è anche una novità per me. Sì, sono super misteriosa… Ma chissà se indovinate di cosa sto parlando»

Guardando

«È difficile, sento un’affinità con Alice la protagonista di “Alice nel Paese delle Meraviglie “ o con Margaret Keane di “Big Eyes”, entrambi i film diretti da Tim Burton stranamente, o con Piper Halliwell della serie TV “Charmed”, la serie del mio cuore vista innumerevoli volte, rimarrà per sempre la mia serie TV preferita, quella per eccellenza. Ognuna di loro ha qualcosa in cui mi rifletto; Alice , con la testa tra le nuvole ma così determinata a realizzare i suoi sogni, è uno spirito indipendente, ma si sente intrappolata nelle visioni e aspettative strette degli altri . Margaret cerca anche lei il suo posto nel mondo, è “una creativa che parla poco e non può difendersi a parole. Ma può solo dipingere.” Piper , d’altra parte, all’inizio è così timida, insicura e con un alto senso del dovere e rispetto delle regole. Il suo desiderio è avere una propria attività, vivere una vita piena grazie alle sue passioni con le persone che ama. Il suo essere una strega e gli eventi della vita la cambiano molto, si trasforma in una donna sicura di sé, consapevole delle sue capacità, senza mai perdere il cuore e l’infinita bontà .
Mi vedo molto in queste tre donne».

Amando

«Amo l’arte, la creatività e le cose semplici, credo che le piccole cose siano quelle che contano di più. Adoro disegnare, sono ripetitiva, lo so, adoro la musica, quella vera, che ti fa battere forte il cuore. Adoro leggere e adoro fare regali. Sono felice quando, con le mie passioni, posso migliorare la giornata di qualcuno o semplicemente farla sorridere».

Foto ©Rosa Ingenito




7 thoughts on “Intervista a… Rose’s Creation

  1. Fa sempre piacere vedere che ci sono molte persone che realizzano i propri sogni dando vita a tante belle creazioni in cui è possibile trovare tutta la passione e i sogni che si realizzano
    Sempre ottime idee per un regalo prezioso

  2. Mettere a frutto la propria creatività è sempre una cosa bellissima! la nostra mente e il nostro impegno sono quello che fa la differenza tra una vita mediocre e una davvero felice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »