Travel & Photography

Hysterical Literature

L’arte si esprime in molteplici modi diversi così come Clayton Cubitt ha voluto fare con la sua provocatoria opera “Hysterical Literature” in cui sottolinea i contrasti tra cultura e sessualità nell’epoca moderna.

Hysterical Literature è un progetto lanciato nell’agosto del 2012 con una serie di video che sono stati già visti più di 45 milioni di volte in 200 paesi diversi.



Ciò che questo fotografo e filmmaker di New York, Clayton Cubitt, ha voluto esplorare è stata la dualità, mente e corpo, della donna.

Cos’è Hysterical Literature?
Il progetto ha invitato delle donne ad un tavolo. Loro la libertà di decidere come vestirsi e che cosa leggere. Quando la telecamera viene accesa ed inizia a registrare, le protagoniste si presentano ed iniziano a leggere il libro che hanno scelto. Sotto il tavolo, invisibile allo spettatore e totalmente fuori controllo alle protagoniste, vi è un vibratore. Le stesse vengono distratte da esso, nonostante debbano continuare a leggere… Questo fin quando la distrazione è tale da impedire loro di continuare. Una volta ritrovato il loro equilibrio viene chiesto alle protagoniste di ripetere il loro nome e spiegare cosa hanno letto.

L’esperimento mostra così la battaglia che avviene tra mente e corpo, esplorando il contrasto tra cultura e sesso. Quando le protagoniste reagiscono alla mescolanza delle due, scatta nello spettatore una vergogna dettata dai pregiudizi della società sulla sessualità femminile.



Il nome del progetto prende ispirazione dal concetto di “isteria femminile”, un trattamento di epoca vittoriana che si faceva fautore della possibilità di curare le donne da comportamenti definiti per l’appunto isterici. L’incapacità del passato di riconoscere la sessualità delle donne e i loro disturbi si affianca al piacere delle stesse in epoca moderna. Questo per sottolineare quanto poco ancora si conosce del piacere femminile e quanto unicamente esso è associato ad un approccio volgare. Un invito a riflettere di come la donna è concepita unicamente come oggetto sessuale, senza la possibilità di essere considerata invece acculturata ed intelligente a prescindere dalla propria sfera sessuale.

http://hystericalliterature.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *