Beauty & Fashion

Fangocur: Tra benessere e quotidianità

Quotidianità e benessere possono coesistere? E’ questa la domanda da cui parto per l’articolo di oggi. Sì perchè qualche giorno fa mi sono trovata di fronte a una sfida: è possibile trovare un brand naturale che copra a 360° tutto il range familiare? Età, sesso e pelle diverse per una quotidianità semplice, ma sempre e comunque bio?

La risposta mi è arrivata grazie a una collaborazione con un’azienda appena maggiorenne che mette al centro dei suoi prodotti il fango vulcanico di Gossendorf#Fangocur

BRAND “Fangocur” un’azienda appena maggiorenne, è stata fondata nel 1999, nella regione vulcanica della Stira in Austria. L’effetto curativo di questi fanghi è conosciuto da 100 anni, ma è stato riconosciuto ufficialmente dal 1970. Ciò che il brand propone nel suo catalogo sono prodotti per la cosmesi, ma anche per la cura della persona quanto di disturbi quali digestione o muscoli, tra gli altri.
Un aspetto che ritengo molto importante è anche la disponibilità e l’attenzione verso il cliente che viene data da parte dell’azienda e che personalmente mi ha fatto sentire come se fossi stata alle terme: da una parte per la gentilezza del trattamento ricevuto e dall’altra per la garanzia ed efficacia dei prodotti.

INCI Parlando di prodotti entriamo nel vivo della questione e cioè l’INCI proposto, un dettaglio a cui presto sempre moltissima attenzione.
In questo caso ci troviamo di fronte a un brand che ci propone prodotti privi di :
-Additivi chimici
-Coloranti o conservanti
-Paraffine e silicone
-PEG e PPG
-Etossilati
-Parabeni e fenossietanolo
-Formaldeide e clorurati derivati
Questi nomi possono dirvi poco, ma vi basta pensare che la formaldeide, ad esempio è stato riconosciuto cancerogeno dall’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro già nel 2004 eppure è un componente che ancora oggi si trova facilmente in tantissimi prodotti di uso comune.

USO 
Maschera Anti-Acne – provata dalla sottoscritta (29 anni) e con una pelle tendente a punti neri e a zone grasse è stata una vera scoperta. Il presupposto è che ho già provato in passato maschera al fango e i risultati sono sempre stati pessimi con reazioni poco piacevole. In questo caso nonostante la rigidità assunta dalla maschera (una volta in posa) non si ha avuto sensazioni di tiraggio estremo nè di calore e l’odoro è molto piacevole, a tratti (a mio dire) agrumato.
Maschera Anti-Age – provata da mia mamma (56 anni) e con una pelle per ovvie ragioni con rughe e solchi provocati dall’età. In posa la maschera diviene naturalmente rigida per via del fango, ma la sensazione che si prova è quella di sentire la pelle rimpolpata.
Sapone all’Aloe Vera – provata da mio papà (62 anni) e in un orario inusuale in quanto nel primo pomeriggio dopo mangiato, un momento che -come tutti gli uomini sanno- è critico per effettuare la rasatura. Il sapone produce poca schiuma e dunque abituati a quelle industriale l’impatto di mio padre in un primo momento è stato scettico, ma basta poi vedere il suo commento nei risultati per scoprire come ha cambiato poi opinione!

RISULTATI
Maschera Anti-Acne – mi ha lasciato molto soddisfatta. Una volta lavata un lieve rossore alla pelle nella zona T del viso ha lasciato un leggero senso di calore, non di bruciore, ed è andato via velocemente. Il risultato finale è stata una pulizia profonda del viso che mi ha ridato luminosità, tonicità e morbidezza. Si può usare localizzata (per acne o punti neri) o su tutto il viso (come ho fatto io) ogni tanto per pulire i pori dallo smog e l’inquinamento che nella società moderna si tende ad accumulare. Dopotutto, lo dico sempre, la pelle è una spugna!
Machera Anti-Age – ha stupido incredibilmente mia mamma. Lei abitualmente usa tantissime creme anti-age ma difficilmente ottiene risultati così visibili come in questo caso. Immediatamente si nota come la pelle sia più luminosa, le macchie siano più chiare e le rughe meno accentuate. Non è tanto per dire, ma è proprio vero che si ha subito la sensazione di essere di fronte a una pelle più giovane.
Sapone all’Aloe Vera – ebbene mio padre non poteva crederci! Nonostante la poca schiuma e l’orario inadatto per la rasatura la pelle non si è arrossata nè irritata oltre a lasciargli una pelle così liscia che a suo dire non aveva nemmeno a diciotto anni! Dichiarazione che confermo in quanto accarezzando la sua guancia in effetti si percepisce al tatto una pelle morbida e perfettamente rasata, oltre che alla vista priva di arrossamenti tipici del post-rasatura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *