Me, Myself & I

Dear Diary… June 2018

🇮🇹Cari Witchy,
Senza ombra di dubbio Giugno è stato un mese strano, come lo sono sempre tutti i mesi estivi in cui la mia stagione preferita fa a pugni con tutto ciò che vorrei fare.
Il sole mi rende più attiva, anche se mi stanco prima, e così quando vedo che il lavoro cala come gli impegni da una parte mi sento lieta e felice così da poter riposare, ma dall’altra mi sento come se non stessi facendo nulla d’importante. Come se non stessi producendo.
In questo ultimo anno ho vissuto di corsa e per una lumachina come me è stato emozionante ed eccitante, andare sempre a cento all’ora mi ha fatto sentire come se non potessi rallentare il ritmo così è che adesso che è successo mi mette l’ansia da prestazione addosso.
“E se poi il lavoro non tornasse attivo come prima? E se tutte le opportunità che credevo di avere non ci saranno? E se le cose non funzionassero?”, le stesse domande che mi sono posta l’anno scorso e poi invece l’inverno è stato fruttuoso ed illuminante. Ma è più forte di me, con il rallentamento dei ritmi entro in paranoia tant’è che è davvero difficile staccare la spina, anche quando parto per le vacanze, perchè mi devo davvero imporre di non pensarci. Di rilassarmi e star tranquilla.
Ma se da una parte sono mossa da queste ansie dovute alla calma piatta, dall’altra odio non aver l’energie per fare ciò che amo. Vorrei scrivere molto di più il libro, ma l’ispirazione con il caldo latita più del dovuto. Vorrei fare più esercizio godendomi le giornate di sole, ma proprio per colpa del caldo provocato dallo stesso faccio meno del solito.
Insomma come ogni storia d’amore l’estate è per me amore/odio. L’aspetto tutto l’anno e quando arriva non riesco mai a godermela priva di pensieri e preoccupazioni. Sarà che la mia mente è sempre in fermento e devo ancora trovare la formula magica per metterla a riposo…




🇬🇧Dear Witchy,
Without a shadow of a doubt June was a strange month, as always are all the summer months when my favorite season is a punch with everything I would like to do.
The sun makes me more active, even if I get tired before, and so when I see that work falls like the commitments on one side I feel happy and happy so I can rest, but on the other I feel like I’m not doing anything ‘important. As if you were not producing.
In this last year I lived in a race and for a snail like me it was exciting and exciting, always go at one hundred per hour made me feel like I could not slow down the pace so that now that has happened it puts me the anxiety from performance on.
“And if the work does not come back as before? And if all the opportunities that I thought I have will not be there? And if things do not work?”, The same questions I asked myself last year and then instead the winter has been fruitful and enlightening. But it is stronger than me, with the slowing down of the pace in paranoia so much so that it is really difficult to pull the plug, even when I leave for the holidays, because I really have to impose not to think about it. To relax and stay calm.
But if on the one hand I am moved by these anxieties due to flat calm, from the other hate not having the energy to do what I love. I would like to write a lot more about the book, but the inspiration with the hot latita more than necessary. I would like to do more exercise enjoying sunny days, but just because of the heat caused by the same I do less than usual.
In short, like every love story, summer is love / hate for me. I wait for it all year round and when it arrives I can never enjoy it without thoughts and worries. It will be that my mind is always in turmoil and I still have to find the magic formula to put it to rest…

Come foto del mese ho scelto questa veduta meravigliosa dell’Oltrepo Pavese perchè rispecchia alla perfezione il mio stato d’animo attuale. Una veduta fresca, illuminata e gioiosa come solo l’estate sa essere, ma al contempo infinita… come i miei pensieri. C’è tanto da vedere, forse troppo tanto che è difficile concentrarsi su tutti i dettagli del paesaggio che in alcune parti è illuminato ed in altro è in ombra… i contrasti del mio cuore, anima e mente… Contrasti non sempre negativi perchè spesso è proprio in essi che si trovano le risposte che tanto si cercano… // As a picture of the month I chose this wonderful view of the Oltrepo Pavese because it perfectly reflects my current state of mind. A fresh, enlightened and joyful view as only summer can be, but at the same time infinite … like my thoughts. There is so much to see, perhaps too much that it is difficult to focus on all the details of the landscape that in some parts is illuminated and in another is in the shade … the contrasts of my heart, soul and mind… Contrasts not always negative because it is often in them that are the answers that are looking for…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.