Lifestyle

-24 giorni al Referendum Costituzionale, fate la scelta giusta!

Scrivere di politica può non essere ciò che più amo, ma mi sono fatta un esame di coscienza e mi sono resa conto di quanto esprimere la propria opinione e punto di vista non sia sbagliato e che nemmeno io dovrei considerarlo tale.

Non quando ci troviamo di fronte a momenti epocali e importanti per un paese quanto lo sarà il Referendum Costituzionale del 4 Dicembre e tanto meno quando poche sono le persone che sanno esattamente di cosa esso tratta.

Ecco perchè nonostante abbia già scritto due articolo per spiegare le motivazioni per cui io voterò NO, oggi ne voglio scrivere un altro che possa delucidare maggiormente le menti confuse di chi ancora non si è fatto un’idea su cosa e quanto le cose cambierebbero se vincesse il SI.

1. Ciò che viene spesso ripetuto è che questa riforma abbatterebbe i costi della politica. Tuttavia nonostante la Ragioneria di Stato ipotizzi un risparmio per il Senato di 50 milioni di euro questo è un non nulla a fronte dei 300 milioni dovuti all’introduzione della nuova legge elettorale voluta dal nostro attuale Presidente del Consiglio.

2. Una degli altri cambiamenti riguarda la triplica da 50 mila a 150 mila le firme necessarie per presentare disegni di legge di iniziativa popolare e rimanda ad una futura legge costituzione i referendum propositivi, di fatto riducendo la partecipazione diretta dei cittadini.

3. La nuova riforma se passasse introdurrebbe in Costituzione delle clausole che subordinano l’Italia all’Unione Europea oltre a non consentire agli italiani di esprimersi su trattati e temi riguardanti l’Europa. Non avere voce in capitolo non mi pare un buon esempio di democrazia.

4. I senatori verrebbe nominanti dal Presidente della Repubblica e dai Consigli Regionale e oltre allo stipendio da sindaco o consigliere regionale, riceverebbero una diaria e un rimborso spese per vitto, alloggio e segreteria. Un controsenso assai grande se si pensa che ci viene detto, addirittura, che il Senato verrà abolito.

5. Non esistono tempi precisi, affinché una legge venga approvata. La velocità è dovuta unicamente alla volontà politica. Quindi dire che con la nuova legge costituzionale si velocizzerebbe i tempi di approvazione, suona un po’ assurdo se la volontà manca.

6. Parlando invece delle autonomie virtuose invece di formare una moderna forma di federalismo, per premiare gli amministratori virtuosi e punire quelli spendaccioni e incapaci, la nuova legge taglierebbe indistintamente funzione e risorse economiche a tutti gli enti locali.

7. Nell’attuale Costituzione i Consiglieri Regionali e i Sindaci non godono dell’immunità, ma se le cose cambiassero allora 95 di essi potranno usufruirne trasformando il Senato in un “rifugio”, se così vogliamo chiamarlo.

8. Non ci sarebbe alcun vincolo di mandato, in che senso? In poche parole i parlamenti che cambiano partito durante la legislatura potranno continuare a farlo. Ma faccio un esempio casuale: se io voto Pinco per il PD, mi darebbe assai fastidio se durante il mandato questo passasse alla Lega. O dico male?

9. Si parla tanto di eliminazione degli enti inutili eppure la riforma moltiplica i percorsi legislativi creando maggiore confusione e conflitti di competenza tra Stato e Regione oltre che tra Camera e Senato.

10. Ultimo punto, ma non meno importante, renderà sostanzialmente intoccabile la Costituzione. Ogni modifica richiederà infatti il voto di una Camera e di un Senato eletti in tempi e modalità diverse e composti verosimilmente da maggioranze diverse.

Quest sono le motivazioni che spingeranno me a votare NO e spero siano le stesse che spingeranno voi, non dico a fare la mia stessa scelta, ma quanto meno a riflettere esattamente su cosa e quanto cambierebbero le cose.

Non fate poi, per favore, l’errore di non andare a votare, perchè questo Referendum NON avrà quorum. Avrà valenza con qualsiasi affluenza e poi sono dell’idea che il diritto di esprimere la propria opinione non sia di questi tempi un diritto di buttare alle ortiche, non quando al mondo esistono paesi e persone che muoiono per acquisirlo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *